Crea sito

Sherol, che ammirevole Self Control!

Sherol dos Santos (foto Perazzolo)

Dopo il singolo che ne ha sancito il debutto sulla scena discograficaPleiadi, uscito con la Instant Crush Records (ICR), Sherol Dos Santos,ha regalato ieri ai fan un secondo brano, una cover che ne anticipa i nuovi sound dagli echi elettronici, con l’inedita versione rock di una delle favorite di X Factor 12.

Self Control, brano di RAF del 1984, è la cover scelta per aprire il nuovo anno: un pezzo che ha segnato un’epoca, e che Sherol ripropone con un piglio da grande interprete, presentando al suo pubblico un lato di sé stessa decisamente rock, in grado di dare nuove sfumature a un “must” degli anni Ottanta, rinnovandolo nell’animo ma mantenendone i lati profondi e notturni.

Come notturno e intimo è il primo inedito di debutto, Pleiadi, che Sherol, da alcuni paragonata a Beyoncé e Aretha Franklin, con ottimi riscontri di critica e pubblico, ha lanciato il 16 dicembre.

Con PleiadieSelf Control, le sorprese alle quali Sherol Dos Santos sta preparando i suoi fan non sono finite: la cantante si appresta a stupire tutti con un nuovo “respiro”, sempre notturno e consapevole, ma dalla grande carica combattiva e con sound decisamente rock ed elettronico.

Italiana di origine capoverdiana, Sherol Dos Santos, nata e cresciuta nel quartiere di San Basilio a Roma, si è fatta conoscere dal grande pubblico con l’ultima edizione di X Factor dove, oltre a conquistare i live, ha convinto pubblico e critica, entrando nelle grazie di Manuel Agnelli, che l’ha anche voluta al suo fianco in Ossigeno.

Classe 1997, la carriera di Sherol parte da lontano, quando fin da piccolissima, all’età di 8 anni, entra nel coro delle voci bianche di Santa Cecilia, eccellenza nella scena nazionale che la porterà poi a entrare a far parte di due cori gospel, di cui uno professionista.

Il suo timbro, il suo carisma, la raffinatezza che sposa la grinta di una cantante già evidentemente fuori dal comune e in grado di spaziare tra i generi, la portano a intraprendere la carriera di solista entrando a far parte di una band e a classificarsi prima nella categoria interpreti, a soli 17 anni, al Tour Music Fest – European Music Contest presieduto da Mogol.

Dopo questa vittoria, Sherol entra a far parte del coro gospel di Cheryl Porter con il quale partecipa a molte esibizioni importanti anche televisive: si esibisce per il Papa, è corista di Tiziano Ferro nella trasmissione di Virginia Raffaele, partecipa a “Natale 25”, è in concerto in Svizzera nella tenuta privata di Chopard, canta per eventi privati Cartier e molto altro.

Pleiadi e Self Control aprono un nuovo capitolo nel percorso artistico di Sherol; una casa discografica, Instant Crush Records (ICR), e un nuovo gruppo di lavoro guidato alla direzione artistica da Marco del Bene e da Gianluca Torresi, in qualità general manager di ICR.

 

Foto e cover singolo di Luca Perazzolo.

Pubblicato da gossipgirl

Le brave ragazze vanno in Paradiso, ma le ragazzacce si intrufolano dappertutto!